TOMOdesign alla 3° Fiera del Design Indipendente di Napoli il 13-14 dicembre

locandina 3°edizione  Fiera Design Indipendente Napoli

locandina 3°edizione Fiera Design Indipendente Napoli


Dopo il successo delle passate edizioni, si rinnova a Napoli l’appuntamento con il Mercato Meraviglia – Fiera del Design Indipendente, evento promosso dall’Associazione Archintorno in collaborazione con il Coordinamento Le Scalze. Giunta alla sua terza edizione, la manifestazione fieristica si conferma come un luogo aperto per la promozione della creatività emergente, del design autoprodotto e dell’artigianato contemporaneo. Quest’anno, in mostra, ci saranno i lavori di più di 30 tra designer, artisti e artigiani che esporranno il frutto della propria creatività all’interno di un’ampia offerta di proposte originali per un regalo natalizio fatto a mano e che sostenga l’economia locale e i piccoli produttori. Anche Tommaso Moscarelli partecipa, dopo aver già partecipato alla 1° edizione nel 2012, con il suo marchio TOMOdesign, proponendo riproduzioni dei suoi disegni e alcuni pezzi unici, variazioni originali realizzate a mano su riproduzioni dei suoi stessi lavori: un’intensa “stratificazione” di arte sull’arte.
Il meraviglioso luogo che ospita la fiera è la Chiesa di San Giuseppe delle Scalze, gioiello del barocco napoletano. E’ sede di un coordinamento di associazioni che si occupano di promuovere questo prezioso bene e il quartiere di Montesanto, attraverso attività culturali e di integrazione sociale, per adulti e bambini.
Qui la pagina dell’evento su facebook: https://www.facebook.com/MercatoMeravigliaScalze?fref=ts,
e le foto di presentazione degli espositori 2014, tra cui TOMOdesign.

Cantieri dell’Immaginario al PAN: com’è andata

L’11 settembre 2104 si è conclusa dopo più di un mese la collettiva “Cantieri dell’Immaginario” alla quale ha partecipato Tommaso Moscarelli. In genere le collettive non sono considerate tappe così importanti nella storia di un artista, ma questa fa senz’altro eccezione, per la splendida e prestigiosa location del museo civico pubblico di Napoli e per l’ampio spazio dedicato ad ogni giovane artista. Tommaso, in particolare, ha avuto a disposizione un’intera sala, dove esporre una selezione significativa sia dalla produzione di quadri che di disegni. Importante è stata anche la risposta del pubblico: il vernissage di apertura ha visto la partecipazione di più di 300 persone, attente e incuriosite dalla varietà e significatività della proposta. Ecco il video promozionale della mostra PAN realizzato da Nicola Angrisano, e qualche fotografia dell’evento:

Palazzo Arti Napoli

flyer Cantieri dell'immaginario al PAN

flyer Cantieri dell’immaginario al PAN

Martedì 29 luglio 2014, dalle ore 18,00, si inaugura al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli la mostra collettiva “CANTIERI DELL’IMMAGINARIO. Sguardi dalla metropoli oltre il mercato dell’arte”, alla quale parteciperà Tommaso Moscarelli con otto tele e 16 disegni.
La mostra sarà aperta fino all’11 settembre 2014, l’ingresso è libero.

A seguire un breve testo introduttivo del curatore Nicola Angrisano.
________

Sette artisti under 40 che si misurano con una Napoli povera di occasioni professionali ma ricca di esperienze personali e collettive, crocevia di diverse biografie, migrazioni, mutazioni e percorsi circolari che troppo spesso restano sommersi. Sette percorsi eterogenei ma tutti fuori dal coro, fuori o ai margini del sistema e del mercato dell’arte. Sette traiettorie artistiche coinvolgenti, territori non (ancora) tracciati dell’immaginario metropolitano.
Nella convinzione che ciò che interpreta e costruisce dal basso l’immaginario collettivo debba essere valorizzato e discusso nell’agorà pubblica, Nicola Angrisano propone, dal 29 luglio all’11 settembre 2014 al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli, uno spaccato della produzione di sette pittori/trici che vivono e lavorano nell’area metropolitana di Napoli.

La mostra vuole essere una rassegna di percorsi umani e artistici, dunque non tanto una semplice raccolta di opere quanto una presentazione degli autori, delle loro motivazioni, dei loro lavori, dei loro progetti. Un’occasione di interazione libera e aperta tra artisti e pubblico, in coerenza con la vocazione sociale di uno spazio civico per le arti come il PAN. Un’esperienza che speriamo possa trovare continuità, diventare una pratica oltre la logica dell’evento, e coinvolgere in futuro ulteriori artisti. La mostra si integrerà così con workshop, presentazioni, incontri, contaminazioni…

Al centro restano però le proposte artistiche di questi “Cantieri dell’Immaginario”:
da un lato le smorfie plastiche di una generazione d’adulti impossibilitata a crescere di Monika Natalia Mazur, che introietta in maschere umane insieme nevrotiche e giocose il disorientamento di un’età di crisi, dall’altro l’inquieta ricerca di libertà artistica ed espressiva di Ewa Koj e Maria Porro.
Simona Mostrato, fiera delle proprie origini vulcaniche, con la sua sensibilità visionaria rivendica la doppia emancipazione da un mercato dell’arte omologante e maschile e dagli stereotipi di genere. La realtà metropolitana troppo complessa e stratificata, colma di immagini ed informazioni, viene sintetizzata e ricomposta, nelle opere di Vincenzo Del Vecchio, tramite geometrie esatte e giochi di pieni e vuoti cui fanno da contraltare gli incredibili paesaggi astratti e labirintici di Tommaso Moscarelli. Marco Chiuchiarelli, infine, ricercatore delle tecniche pittoriche antiche, ritorna nelle botteghe del ’400 e ’500 per riportare nelle immagini della modernità la forza della carne e del sangue zampillante insieme ad una visione alchemica dell’arte e della vita stessa.

Per più info sugli artisti e sugli appuntamenti della mostra:
http://cantieridellimmaginario.wordpress.com

cantieridellimmaginario@gmail.com

chi è Nicola Angrisano?
Nicola Angrisano irrompe nel mediascape un giorno imprecisato del 2003. Figura fantasmatica e misteriosa si fa promotore di iniziative di guerriglia comunicativa per la liberazione dell’infosfera.Le sue modalità sono situazioniste, il suo terreno d’azione è l’etere napoletano; nel 2004, insieme ad un gruppo di mediattivisti, accende il primo trasmettitore da un tetto di Forcella: è un segnale che disturba, che crea increspature sulla superficie monotona e liscia del panorama mediatico. Nasce così insutv, prima telestreet pirata e no-profit della città di Napoli. Surfando sulle onde non sempre benevole della comunicazione, Nicola Angrisano frequenta i sobborghi della città e le sue vite subalterne alla ricerca di narrazioni altre. Nella convinzione che il movimento critico delle immagini possa aiutare a immaginare il cambiamento. Questa è la prima volta che ha a che fare con dei pittori. Stiamo a vedere come andrà a finire….